domenica 21 novembre 2010

I Maritozzi, bontà romana

I Maritozzi sono un tipico dolce laziale, in particolare molto amato a Roma, accompagnato con la panna o con la crema. I Maritozzi prendono questo simpatico nome dal fatto che venivano preparati per i festeggiamenti dei matrimoni, durante i quali i futuri sposi regalavano alle spose questi dolci che le ragazze chiamavano appunto maritozzi.
I Maritozzi a Roma vengono mangiati a colazione, magari col caffè o cappuccino, ma vanno bene da prepararsi anche per le feste, perchè no, per Natale ad esempio, vicino ai tipici dolci come il pandoro e il panettone!

E allora per preparare in casa i Maritozzi, ecco una ricetta da seguire, la ricetta tradizionale dei Maritozzi.

Ingredienti per i Maritozzi:
300 gr. di farina di frumento;
75 gr.di zucchero;
70 gr. di uvetta passa;
50 gr. di scorza di arancia candita;
30 gr. di lievito di birra;
20 gr. dipinoli;
olio extravergine di oliva, burro, sale e farina per la spianatoia.


Come preparare i Maritozzi?
Innanzitutto bisogna decidere se utilizzare della pasta di pane già pronta oppure se prepararne in casa. Nel caso volessimo eseguire il procedimento per i Maritozzi dall'inizio, si prendono 50 gr. di farina e si mettono in una ciotolina, si sbriciola il lievito e si scioglie con un poco di acqua tiepida. Si mescola il tutto aggiungendo l'acqua tiepida a necessità, si sistema l'impasto a panetto, si lascia lievitare al coperto di un panno per almeno una ventina di minuti.

A questo punto il nostro panetto per i Maritozzi è pronto e dovrebbe essere raddoppiato di misura. Si prepara sulla spianatoia la farina a fontana, circa 200 gr., si aggiunge nel mezzo un pizzico di sale, 3 cucchiai di olio, e il panetto lievitato, mescolando il tutto sempre con l'acqua tiepida fino a formare un bell'impasto morbido. Quando la pasta, lavorata per alcuni minuti, è bella morbida e non si attacca più alle mani, si possono aggiungere circa 50 gr. di zucchero, si prepara l'impasto dei Maritozzi a forma di palla e si mette in una ciotola infarinata, si unisce la scorza d'arancia, i pinoli e l'uvetta. Una volta mescolati questi ingredienti all'impasto, si ritorna alla spianatoia dove si crea una specie di bastone con la pasta e si taglia in fette possibilmente uguali, almeno 12. Si lavorano le fette facendole divenire di forma ovale, si prepara la teglia del forno imburrata e si mettono i Maritozzi un pò distanti l'uno dall'altro per non farli attaccare durante la cottura. Prima di cuocerli, si lasciano al coperto di un telo per lievitare ancora, e nel frattempo si prende il restante zucchero e si scioglie con un pò d'acqua. I Maritozzi intanto, una volta lievitati sulla teglia, si mettono in forno a 200° per circa 7 minuti, si sfornano e si spennellano con lo zucchero sciolto, si ripassano al forno per un minutino e si sfornano. Una volta raffreddati, i Maritozzi sono pronti da mangiare, da soli, riempiti con la crema o i classici Maritozzi con la panna!
Il procedimento è un pò lungo, è vero, però il risultato è buonissimo!

8 commenti:

  1. Ma che bontà, che dolcezza!!! Soffici e golosi. Sono perfetti, complimenti!!

    RispondiElimina
  2. Mamma mia, Vale!!!! Che spettacolo!
    Tu fai morire me!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Brava bravissima i maritozzi adoroati , quanto tempo che non li mangio!! bravissima copio la ricetta.intanto me lo prendo uno!!
    baci
    anna

    RispondiElimina
  4. Vale!!! Che bello sei stata segnalata sul portale dei prodotti tipici! Bravissima: sono troppo contenta!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao, piacere di conoscerti, grazie della visita... complimenti, questo blog mi piace molto, buonissimi i maritozzi, li proverò... buona serata!!!

    RispondiElimina
  6. grazie a tutte, sono contenta che i maritozzi vi siano piaciuti tanto!
    @robjana:grazie cara!

    RispondiElimina
  7. mmamma mia quanto so' bboniii!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao.
    Proverò a seguire la tua ricetta e speriamo di riuscire a godere di questa prelibatezza. Sono 2 vole che provo nell'impresa, seguendo altre ricette e una volta sfornati sono finiti tutti in pattumiera :-(
    Ti farò sapere.

    Roberta

    RispondiElimina