giovedì 25 novembre 2010

Il Pandoro di Verona, dolce tipico del Natale

Ecco qui un piatto tipico del Natale, anzi un dolce tipico natalizio, che personalmente adoro! Il pandoro di Verona io lo mangerei a colazione, a merenda, dopo cena, praticamente...sempre!

Ho pensato di trovare quindi una ricettina per provare a fare il pandoro a casa, anche se il procedimento non è facilissimo, ispirandomi ad un libro di torte che ho in casa, spero di non fare pasticci!

La ricetta del Pandoro di Verona


Ingredienti per il pandoro
:
500 gr. di farina;
150 gr. di zucchero;
200 gr. di burro;
5 uova;
40 gr. di lievito di birra;
vanillina.

Dunque, per prima cosa va sciolto il lievito in un pò d'acqua, si aggiungono circa 100 gr. di farina, 1 tuorlo e 10 gr. di zucchero. Si impasta il tutto e si lascia riposare per 4 ore in luogo tiepido, coprendo con un panno o un telo. Dopodichè si prende la farina, 150 gr., e si impasta assieme a 70 gr. di zucchero, 2 tourli e 30 gr. di burro sciolto. Dopo aver lavorato questo nuovo impastoo per il pandoro di Verona, si unisce al precedente e si lascia riposare nuovamente per circa due ore. Infine, una specie di terzo impasto si prepara con il resto della farina, altri 30 gr. di burro sciolto, 50 gr. di zucchero, 2 tuorli. Si lavora il tutto e si fa riposare per altre due ore, dopo averlo unito all'impasto precedente. Passate le due ore, si lavora ancora la pasta del pandoro aggiungendo il resto del burro e la vanillina. Si lavora la pasta del pandoro stendendola a mò di sfoglia e richiudendola, almeno un paio di volte, far riposare una mezzoretta e poi lavorare nuovamente. Infine, si mette l'impasto del pandoro a forma di palla in uno stampo imburrato e si lascia lievitare fino a che l'impasto non raggiunge l'orlo dello stampo. In forno, il pandoro di Verona si cuoce per 45 minuti a 180°.
Certo, un pò difficile come procedimento, però si può provare, no?

Il Pandoro di Verona: qualche info curiosa
Il pandoro di Verona, tipico del Natale, sembra avere due probabili origini: una prima ipotesi è che il pandoro di Verona si sia sviluppato sulla base di una ricetta austriaca, il pane di Vienna, una sorta di brioche; la seconda ipotesi è quella che il pandoro di Verona derivi da un dolce molto amato a Verona dalle famiglie ricche e nobili, chiamato il pane de oro. Fatto sta che il pandoro di Verona si è diffuso in tutta Italia e anche all'estero grazie alla produzione industriale dello scorso secolo che ne ha permesso la conoscenza fuori Verona.

6 commenti:

  1. E beh!!! Come si fa a non amare il pandoro?

    RispondiElimina
  2. Vale!!!!! E' bellissimo il tuo banner! Brava Azzurra!!! ;)

    RispondiElimina
  3. Bello il tuo blog, è diverso dagli altri!

    RispondiElimina
  4. @Natalia:grazie Natalia, spero diverso in positivo! ;)
    Vale

    RispondiElimina
  5. ma che pandoro fantastico!!!
    poi il gusto di quello fatto in casa non è paragonabile a quello comprato...bravissima!
    a presto
    ciaooooooooo

    RispondiElimina
  6. @Sgt.Pepper: grazie!anche tu non scherzi, ho visto certe ricettine..da leccarsi i baffi!
    ;)

    RispondiElimina