lunedì 22 novembre 2010

Vini Siciliani: il Passito di Pantelleria

Il passito di Pantelleria è uno dei vini siciliani più amati, dal sapore e profumo fruttato, perfetto per accompagnare i dolci e i dessert a fine pasto! Per chi ama infatti sorseggiare un buon bicchiere di vino mentre mangia una bella crostata di frutta, dolcetti tipici alle mandorle o biscotti secchi, e tante altre dolcezze, il passito di Pantelleria è l'ideale! Oltre che con i dolci questo buon vino che nasce dalle uve di tipo Moscato di Alessandria o Zibibbo si adatta bene anche ai formaggi, in particolare quelli a pasta secca.

Ma da dove prende il nome il passito di Pantelleria? Questo vino siciliano si chiama così per il fatto che l'uva, dopo la vendemmia, viene lasciata appassire per alcuni giorni, in modo che si crei quel buon sapore dolce tipico del passito di Pantelleria.
Il passito di Pantelleria è un vino Doc e la temperatura più adatta per berlo è intorno i 10°-12°. Oltre che accompagnare i dolci, potete usare il passito di Pantelleria anche per preparare bei dolcetti a base di frutta! Un suggerimento? La Crostata di Mele e Pinoli di Robjana!

3 commenti:

  1. Eh eh, lo conosco ma non perchè lo beva (mai provato), ma perchè so che è l'unico vino che piace a mio padre (astemio da sempre). I miei sono stati rapiti da questo vino in uno dei viaggi a Pantelleria, se ne sono fatti spedire parecchi :)
    Grazie per averne parlato

    RispondiElimina
  2. Vedi, se piace al tuo papà astemio, deve essere proprio buono! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao! Che carino il tuo blog! Da Siciliana mi ha incuriosito questo post sul passito, vino liquoroso con il quale a volta preparo la torta margherita. Brava, continuo a sbirciare le tue ricette e i tuoi post!

    RispondiElimina